L'Alto Adige è la più vasta regione chiusa dedicata alla frutticoltura di tutta Europa. Protetta dalle Alpi a nord, aperta invece verso sud, questa regione offre le premesse ideali per la coltivazione delle mele. I contadini dell'Alto Adige coltivano mele da oltre un secolo. Una mela su due in Italia e una mela su dieci nell'Unione Europea cresce qui. Con una quota di mercato di quasi il 40%, inoltre, l'Alto Adige è il maggior fornitore di mele bio d'Europa. La mela dell'Alto Adige si distingue per i suoi colori, il sapore e la qualità unici.

L'Alto Adige, terra delle mele, in cifre:
Superficie coltivata a mele: 18.400 ettari
Contadini impegnati nella coltivazione: circa 7.000 aziende famigliari con dimensioni comprese tra i 2 e i 3 ettari
Raccolto annuo: circa 1.200.000 tonnellate
Esportazione: 50% circa, in Europa e nei paesi arabi
Marchio di qualità dell'UE: 13 varietà di mele dell'Alto Adige sono state insignite del riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta)